Salerno2012: General theme and communication

GENERAL THEME AND COMMUNICATIONS TOPICS

The resilience of the territories is a key concept in the socio-ecological transition, introduced by Rob Hopkins in the “Transition Handbook” (2008). The resilience of a territory is in fact a community’s ability to continue its development by organizing itself against external shocks that may increase its vulnerability, and even question its existence (Girardot, 2011).
Resilient people are those who, deepened in contrary circumstances, manage even though everything, and sometimes against all the previsions, to face efficiently the contrarieties, giving new élan to their own existence and finally they reach important aims. We can perceive the resilience as a function which modifies itself in the course of time, relating to the experience and above all to the modifying of mental mechanisms that support it.
Canevaro defines the resilience as “the capacity not much to resist to the deformations, but to understand how our own wide knowledge conditions can be restored” (Canevaro et al., 2001)
It is a capacity which we can learn. It concerns first of all the quality of life habitats, in particular the educative contests, when they are able to promote the acquisition of resilient behaviors
We can apply it to a whole community, in fact scholars are affirming this concept in social contests analyses. (Vale et al, 2005).

The usage of vulnerability concept appeared thirty years ago about, generalizing itself above all during the last decade. It constitutes the access key to cross environmental and social sustainability.
The vulnerability, well identified in reference documents for the urban sustainable development, as the Aalborg Charta, remains invariable yet, essentially implied starting from environmental risk factors, as in the first environmental psychology research works (Moser, 1992), without putting the complete question concerning the territorial balances, which it belongs to.

Conversely to the risk, the vulnerability is not a potentiality: it directly implies territories reality, it is tangible, it can be measured (Lutoff, 2000) and distinguishes «vulnerability factors that become aggravated from which that become reduced». In this sense, the international situation of structural crisis as regards European and American economies is not neutral. In fact it emerges in a clear way the real answer difficulty of both Countries and societies on the front of the socio-economic transformations, drawing out in a critical way the social and ecological vulnerability concerning populations and societies.

The socio-ecological transition is defined in the forecast report “The World in 2025” from the European Commission of Research (Baer, 2009), that highlights the ongoing demographic and energetical changes, which require an answer, in addition to structural changes in social behavior, to be stimulated through appropriate policies
Hopkins proposes to consider, rather than a transition from dependence on oil, a transition to local resilience, essentially based on the relocation of productive activities through local initiatives participated.

The project “New LIFE” developed by the European Network of Territorial Intelligence proposes the co-construction of a new development model driven by the pursuit of well-being of each and every (Council of Europe) serving under the definition of territorial transition agendas in a logic of action research.

For Arnsperger (2011), the transition “economic and ecological” will be in two stages : first with the emergence of a “green capitalism”; then with the advent of a post-capitalist pluriéconomie ensuring equal opportunities for all citizens.
For Rifkin (2011), the transition is based on the emergence of “lateral” governance that challenges the pyramidal organizations.

So, in terms of socio-ecological transition (Woloszyn e Faburel, 2010), we are between a traditional geopolitical situation of risks and a territorial vulnerability one, which emphasizes the traditional social segmentations and projections. From this vulnerability, the west democracies felt themselves up to now protected (Hassner, 2005), above all underlined the emergency of the capacity increasing concerning societies and governments towards new vulnerability situations that come out.

In some studies (D’Ercole e Demoraes, 2003), this concept of answer capacity or resilience is considered among the forces, which contribute to decrease the vulnerability.

Leone and Vinet (2006) suggest that the vulnerability has no the same sense and is not valuable in the same way in the case we study the individual, the family, one infrastructure. A net or a territory in its whole. As Emelianoff (1999) proposes, it is inspiriting to the “territorial typology” that is, giving a central space according to the cases, the singularity of places and their articulations relating to the global space, we can understand better and integrate the local and global interconnections of components and vulnerability factors.
Our challenge is to know, from one side how the double fragilities of environment and society are put in that territory and how they have their evolution in the time, on the other hand how we can reduce them measuring (but what can we do?) these societies capacity, of their collectivity and governance to maintain or re-find a normal work for an event or a crisis.

The resolution difficulty of our challenge first of all in the taking charge of values and in the adoption of non-economic principles, especially ecosystem ones, that is human, social and cultural heritage, in the territorial vulnerability analyses. The concept of “territorial intelligence” to know the constitution and the diffusion of acquired knowledge also through experiences, is essentially to answer to this need of permanent adaptation regards to society, economy and ecological systems with crisis evolutionary factors.
The days in Salerno propose to articulate a state of art concerning the places of different territorial and social vulnerabilities in Europe, with some developments (theoretical, practical and methodological) of the speech concerning socio-ecological resilience phenomena of territories.

The days in Salerno, thus, will propose:

TOPIC A : The circumscribing and analysis of socio-ecological vulnerability increasing in Europe, in the face of the crisis situation which now spread European countries through

  1. Fase studies analysis concerning the manifestations of economic and environmetal risk in Europe;

  2. Quantitative and/or qualitative description of emerging territorial vulnerabilities which represent the consequence;

TOPIC B : The contribution to bring out adaptation strategies able to increase territorial and urban resilience increasing for the vulnerability concerning the most exposed societies and territories, proposing answers to the following questions:

  1. Which are the conditions that can permit the emerging of the territorial vulnerability as an expedient for the taking charge of the global implications concerning the local action, for other scale articulations?

  2. How and on which topics, hypotheses, challenges we can think the articulations, the convergences and co-ordinations of adapting actions in a coherent governance with the preoccupations for a transition to the sustainable development?

The inter disciplinary exploration (geography, economy, sociology, political sciences, urbanistics and architecture) of vulnerability situations and resilience systems will be developed through the observation concerning the study fields so as analyzing the description of actions cases and territorial strategies.

Our analysis propose as goal to suggest answers to a triple question, at the same time particular and general, concerning:

  • The habitats and societies vulnerability in redefining of decision bonds and spaces;
  • The costs and risks in the democratic times definition of the governance;
  • The identification of limits to the proactive behaviors of actors for the territorial construction of property and common worlds.

La resilienza dei territori è un concetto chiave nella transizione socio-ecologica, introdotto da Rob Hopkins nel “Transition Handbook” (2008). La resilienza di un territorio è infatti la capacità di una comunità di proseguire il suo sviluppo attraverso l’organizzazione di sé contro i traumi esterni, che possono aumentare la sua vulnerabilità, e persino mettere in discussione la sua esistenza (Girardot, 2011).

Persone resilienti sono coloro che immerse in circostanze avverse riescono, nonostante tutto e talvolta contro ogni previsione, a fronteggiare efficacemente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e perfino a raggiungere mete importanti.

Si può concepire la resilienza come una funzione che si modifica nel tempo in rapporto con l’esperienza, i vissuti e, soprattutto, con il modificarsi dei meccanismi mentali che la sottendono.

Canevaro definisce la resilienza come “la capacità non tanto di resistere alle deformazioni, quanto di capire come possano essere ripristinate le proprie condizioni di conoscenza ampia” (Canevaro et al., 2001)
È una capacità che può essere appresa e che riguarda prima di tutto la qualità degli ambienti di vita, in particolare i contesti educativi, qualora sappiano promuovere l’acquisizione di comportamenti resilienti.
Applicato a un’intera comunità, il concetto di resilienza si sta affermando nell’analisi dei contesti sociali (Vale et al, 2005).

L’uso del concetto di vulnerabilità risale a una trentina di anni fa e si è generalizzato soprattutto nel corso dell’ultimo decennio.
Il concetto di vulnerabilità costituisce una chiave d’ingresso per incrociare sostenibilità ambientale e sociale.

Ben identificata in documenti di riferimento per lo sviluppo urbano sostenibile, come la Carta di Aalborg, la vulnerabilità resta tuttavia essenzialmente implicata a partire dai fattori di rischio ambientale, come nei primi lavori di ricerca di psicologia ambientale (Moser, 1992), senza tuttavia porre pienamente la questione degli equilibri territoriali della quale fa parte.

Contrariamente al rischio, la vulnerabilità non è una potenzialità: essa implica direttamente la realtà dei territori, è tangibile, può essere misurata (Lutoff, 2000) e distingue «i fattori di vulnerabilità che si aggravano da quelli che si riducono». In questo senso, la situazione internazionale di crisi strutturale delle economie europeo-americane non è neutra. Essa fa chiaramente emergere la difficoltà di risposta attuale degli Stati e delle società sul versante della trasformazioni socio-ecologiche in atto, facendo emergere in maniera critica la vulnerabilità sociale e ecologica delle popolazioni e delle società.

La transizione socio-ecologica è definita nel rapporto di previsione “The World in 2025” dalla Commissione Europea della Ricerca (Baer, 2009), che mette in evidenza i cambiamenti demografici ed energetici in corso, che richiedono una risposta, oltre ai cambiamenti strutturali nei comportamenti sociali, da stimolare attraverso politiche appropriate.


Hopkins propone di considerare, piuttosto che una transizione dalla
dipendenza del petrolio, una transizione alla resilienza locale, essenzialmente basata sulla rilocalizzazione delle attività produttive attraverso iniziative locali partecipate.

Il progetto “New LIFE”, sviluppato dal Network Europeo di Intelligenza Territoriale propone la co-costruzione di un nuovo modello di sviluppo guidato dal perseguimento del benessere di ognuno e di tutti (Consiglio d’Europa), che possa servire alla definizione di agende per la transizione territoriale in una logica di ricerca-azione.
Secondo Arnsperger (2011), la transizione “economica ed ecologica” si realizzerà in due stadi : prima di tutto, con l’emergere di un “capitalismo verde”; in seguito, con l’avvento di una plurieconomia post-capitalistica che assicuri uguali opportunità a tutti i cittadini.
Secondo Rifkin (2011), la transizione è basata sull’emergere di una governance “laterale” che cambia le organizzazioni piramidali.
Così, in termini di transizione socio-ecologica (Woloszyn e Faburel, 2010), transitiamo dunque da una situazione geopolitica tradizionale dei rischi a una situazione di vulnerabilità territoriale che rimette in questione le segmentazioni e le protezioni sociali tradizionali, vulnerabilità dalla quale le democrazie occidentali si erano sentite fino ad oggi definitivamente protette (Hassner, 2005), soprattutto sottolineando l’urgenza dell’aumento della capacità di risposta dei governi e delle società alle (nuove) situazioni di vulnerabilità che ne scaturiscono.
In alcuni studi (D’Ercole e Demoraes, 2003), questa nozione di capacità di risposta, o resilienza, è considerata tra le forze che contribuiscono a ridurre le vulnerabilità.
Leone e Vinet (2006) fanno emergere che la vulnerabilità non ha lo stesso senso e non si valuta nella stessa maniera nel caso che si studi l’individuo, una famiglia, una infrastruttura, una rete o un territorio nel suo insieme. Come propone Emelianoff (1999), è ispirandosi alla « topologia territoriale», cioè dando spazio centrale, a seconda dei casi, alla singolarità dei luoghi e alla loro articolazione in relazione allo spazio globale, che si può giungere a comprendere meglio e a integrare le interconnessioni locali e globali dei componenti e dei fattori di vulnerabilità.
La sfida è di sapere, da una parte, come le doppia fragilità dell’ambiente e delle società s’inscrive nel territorio e si evolve nel tempo e, dall’altra parte, come ridurla misurando (ma come ?) la capacità di queste società, delle loro collettività e governance di conservare o di ritrovare un funzionamento normale a seguito di un accadimento o di una crisi.
La difficoltà di risoluzione di questa sfida risiede innanzitutto nella presa in carico dei valori e nell’adozione di principi non economici, specialmente ecosistemici, umani, sociali e del patrimonio culturale, nelle analisi della vulnerabilità territoriale. L’espressione di «intelligenze territoriali», per conoscere la costituzione e la diffusione di conoscenze acquisite anche attraverso esperienze, è essenziale per rispondere a questo bisogno di adattamento permanente della società, dell’economia e dei sistemi ecologici a accadimenti e fattori evolutivi di crisi.
Le giornate di Salerno propongono di articolare uno stato dell’arte relativo ai luoghi delle diverse vulnerabilità territoriali e sociali in Europa, con sviluppi (sia teorici sia metodologici sia pratici) del discorso che riguarda i fenomeni di resilienza socio-ecologica dei territori.

Le giornate di Salerno proporranno, dunque,

TEMA A : di circoscrivere e analizzare la crescente vulnerabilità socio-ecologica in Europa, a fronte della situazione di crisi che tocca attualmente gli stati europei, attraverso

  1. l’analisi di studi di casi concernenti le manifestazioni dell’alea economico-ambientale in Europa

  2. una descrizione qualitativa e/o quantitativa dell’emergere di vulnerabilità territoriali che ne sono la conseguenza;

TEMA B : di contribuire a far emergere strategie di adattamento destinate ad accrescere la resilienza territoriale e urbana di fronte alla vulnerabilità delle società e dei territori più esposti, proponendo risposte alle seguenti questioni :

c. a quali condizioni l’emergere di vulnerabilità territoriali può                   costituire un lievito per la presa in carico delle implicazioni globali nell’azione locale, dunque per altre articolazioni di scala ?

d. come e su quali temi, ipotesi, sfide … possiamo pensare le articolazioni, convergenze e coordinazioni delle azioni di adattamento in una governance coerente con le preoccupazioni per una transizione verso lo sviluppo sostenibile ?

L’esplorazione interdisciplinare (geografia, economia, sociologia, scienze politiche, urbanistica e architettura) delle situazioni di vulnerabilità e dei sistemi di resilienza verrà svolta attraverso l’osservazione dei campi di studio così come attraverso la descrizione di casi di azioni e strategie territoriali.

Questa analisi ha per obiettivo di suggerire risposte a una tripla questione, al tempo stesso particolare e generale, riguardante :

  • la vulnerabilità degli ambienti e delle società nella ridefinizione dei vincoli e degli spazi della decisione ;
  • i costi e rischi nella definizione dei tempi democratici della governance :
  • l’identificazione dei freni ai comportamenti proattivi degli attori per la costruzione territoriale di beni e mondi comuni.

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.